Sistema Didattico

 

Libri di testo

Oltre al testo del Corso è necessario disporre di una Bibbia preferibilmente una Luzzi (Versione Riveduta) perché tutte le citazioni bibliche sono tratte da questa versione.


 

Ore di studio

Il periodo di tempo necessario per studiare ogni singola lezione, dipenderà, in parte, dal grado di conoscenza che lo studente ha della materia trattata e, in parte, dalle sue capacità di assimilazione. Esso dipenderà anche dal modo in cui saranno applicate le istruzioni ricevute e dalla reazione che le facoltà intellettuali dello studente opporranno al metodo di studio autodidattico. È consigliabile, quindi, che ognuno programmi le sue attività in modo da poter dedicare allo studio il lasso di tempo che ritiene adatto alla propria situazione.

 

Gruppi di Lezioni

Le lezioni di ogni Corso sono divise in tre Gruppi

 

Struttura della lezione e metodo di studio

Ogni lezione si compone di 9 elementi:


1) il titolo
2) l'introduzione
3) lo schema
4) gli obiettivi
5) gli esercizi pratici
6) le parole chiave
7) lo sviluppo della lezione e una serie di domande
8) il test finale
9) le risposte corrette alle domande del test (stampate alla fine del libro).

 

Lo schema della lezione e i suoi obiettivi offrono allo studente una panoramica del tema proposto e richiamano la sua attenzione sui punti più importanti della lezione, mentre ne studia i diversi capitoli.


Lo sviluppo della lezione guida lo studente in uno studio approfondito dell'argomento trattato. I commenti, gli esercizi, le domande, tutto è stato concepito in modo tale da permettere allo studente il massimo apprendimento.

 

Ad alcune domande (quelle proposte durante lo sviluppo della lezione) si può rispondere utilizzando gli appositi spazi tratteggiati presenti nel libro di testo. Per altre domande è indispensabile l'uso di un quaderno; in tal caso è necessario ricordarsi di menzionare il numero e il titolo della lezione scrivendo le risposte correttamente e in ordine numerico. Tale sistema sarà di aiuto pratico allo studente nella compilazione dei questionari previsti alla fine di ogni Gruppo di Lezioni.

 

Lo studente deve tentare di rispondere alle domande senza consultare subito l'elenco delle risposte corrette riportate alla fine della lezione. In tal modo gli sarà più facile assimilare l'argomento studiato. Dopo aver risposto personalmente alle domande di una lezione, si possono confrontare le proprie risposte con quelle fornite dal libro di testo. Tracciate un segno convenzionale accanto ad ogni risposta sbagliata e annotatela nel quaderno. Le domande contenute nel testo sono estremamente importanti poiché, passo dopo passo, permettono allo studente di valutare il proprio grado di assimilazione. Gli esercizi pratici, poi, aiuteranno lo studente a mettere in pratica ciò che ha studiato.

 

 

Come rispondere alle domande

Vi sono diversi tipi di domande in questo testo. Di seguito sono riportati alcuni esempi che vi aiuteranno a capire come si risponde ai tipi di domande più ricorrenti nel testo. Per altri tipi di domande verranno date, di volta in volta, istruzioni specifiche.

 

 

Spesso incontrerete domande del tipo a SCELTA MULTIPLA. Esse chiedono allo studente di scegliere la risposta corretta tra quelle elencate.

Esempio:

 

1. La Bibbia contiene:

a) 100 libri.
b) 66 libri.
c) 27 libri.


 

Poiché la risposta corretta è b) 66 libri lo studente dovrà barrare con una X la lettera b).

 

Per alcune di queste domande l'elenco propone più di una risposta corretta; in questo caso occorre barrare con una X la lettera che precede ogni risposta corretta.

 

Altre domande molto frequenti sono quelle del tipo VERO O FALSO. Esse chiedono allo studente di individuare le affermazioni giuste tra quelle proposte.

Esempio:

 

2. Quali delle seguenti affermazioni sono vere?
a) La Bibbia si compone di 120 libri.

b) La Bibbia è per i credenti di ogni tempo.

c) La Bibbia è stata scritta tutta in ebraico.

d) Lo Spirito Santo ha ispirato gli scrittori della Bibbia.


 

Poiché le affermazioni in b) e d) sono vere, è soltanto queste lettere che andranno barrate con una X.

 

Una domanda del tipo ad ABBINAMENTO chiede allo studente di associare convenientemente gli elementi incolonnati sulla destra della pagina con quelli incolonnati sulla sinistra.
Esempio:

 

3. Scrivete all'inizio di ogni frase il numero che indica il personaggio la cui frase menziona un'azione che questi ha compiuta.

...a) Ricevette la Legge sul monte Sinai           1) Mosé

...b) Guidò gli Israeliti attraverso il Giordano     2) Giosué

...c) Marciò intorno a Gerico

...d) Visse alla corte di Faraone

Poiché le frasi a) e d) si riferiscono a Mosé, mentre quelle b) e c) si riferiscono a Giosué, bisognerà scrivere un 1 accanto ad a) e d) e un 2 accanto a b) e c).

 

Sistemi di studio

Chi segue questo corso ICI in qualità di autodidatta, può svolgere il suo lavoro privatamente. Benché il Corso sia specifico per gli autodidatti, è possibile studiarlo anche in gruppo o in classi di studenti.

 

Prove di esame per ogni Gruppo di Lezioni

Se lo studente è un autodidatta, il Corso ICI gli sarà pervenuto unitamente ad una busta contenente i questionari per le prove di esame relative ad ogni singolo Gruppo di Lezioni. Le prove scritte devono essere condotte in conformità alle istruzioni contenute nel Corso e nei formulari specifici. Ogni prova scritta relativa ad un Gruppo di Lezioni deve essere stilata e inoltrata alla sede italiana I.C.I. per le eventuali correzioni ed osservazioni sul lavoro svolto dallo studente. Tutto deve essere compilato debitamente e può essere spedito alla fine di ogni singolo Gruppo di Lezioni oppure alla fine del Corso.
 

Certificato di Studio

Alla fine di un Corso, dopo un'ultima e definitiva valutazione delle prove scritte, allo studente verrà comunicato tale risultato via email (o via posta in mancanza di indirizzo email). Ultimato un intero Programma di Studi, dove previsto, allo studente verrà rilasciato un elegante attestato di frequenza. Chi desidera utilizzare i corsi come materiale di consultazione o seguirli per un semplice arricchimento culturale, può anche non sottoporsi alle prove di esame previste.

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 
©2010 ICI Italia